La Riserva Naturale Monti Navegna e Cervia per quattro giorni cuore dell’educazione ambientale delle aree protette laziali

La Riserva Naturale Monti Navegna e Cervia su impulso della Direzione Regionale Ambiente si candida a svolgere un ruolo centrale nei progetti di educazione ambientale delle aree protette laziali. Per quattro giornate, il 17/18 novembre e poi il 24/25 novembre, 150 partecipanti, responsabili e operatori dell’educazione ambientale di 24 aree protette della Regione Lazio si ritroveranno lungo le sponde del Turano per individuare le strategie per il futuro dell’educazione ambientale. Sviluppo sostenibile, conservazione della Natura, educazione alla cittadinanza attiva, si accingono a divenire temi sempre più centrali nelle politiche educative e didattiche.
È necessario trasmettere alle nuove generazioni il valore del rispetto per l’ambiente che ci circonda, come condizione primaria per la sopravvivenza. È di questi mesi la proposta di inserire obbligatoriamente l’insegnamento dell’educazione ambientale fin dalla scuola dell’infanzia per continuare nella primaria e nella secondaria.
La notizia risale al 14 gennaio scorso, quando il sottosegretario all’ambiente ha presentato la proposta elaborata in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione.
Si tratta di un passaggio nodale che dovrebbe far diventare l’educazione ambientale materia scolastica obbligatoria. Tutto nasce dalla consapevolezza che comminare sanzioni, contemplare reati in ambito ambientale sia doveroso ma non più sufficiente: è necessario intervenire con una politica di grande respiro, a lungo termine che si fondi sulla conoscenza del patrimonio ambientale che abbiamo a disposizione.
Ecco allora entrare in campo l’educazione ambientale come strumento imprescindibile da cui partire per far comprendere l’importanza di scelte non più differibili.
Con questa consapevolezza le aree protette del Lazio si preparano ad affrontare nuovi campi di un orizzonte nuovo che deve essere affrontato con strumenti adeguati. “Aver scelto questo territorio per un summit che coinvolge tutti i parchi del Lazio è nello stesso tempo motivo di grande soddisfazione e di altrettanta responsabilità – commentano soddisfatti all’unisono il direttore Russo e il commissario straordinario Assennato – Ringraziamo della fiducia accordata sia il Direttore regionale Vito Consoli che l’assessore all’Ambiente Buschini. Da parte nostra, sicuri dell’ospitalità di questi territori e forti della collaborazione con la Sezione della Lega Navale Italiana Rieti-Lago del Turano siamo certi di poter accogliere al meglio i colleghi delle aree protette del Lazio.”
Ad aprire i lavori del workshop residenziale, presso l’hotel Turano in Castel di Tora, il prossimo 17 novembre è annunciato l’assessore regionale Buschini che potrà così anche conoscere la realtà del territorio della Riserva Naturale. La Riserva ha pensato di fare cosa utile creando una "cassetta degli attrezzi per l''educazione ambientale" mettendo a disposizione di tutti una serie di documenti fondamentali per la conoscenza della materia. di seguito i documenti scaricabili.



Back to Top